World Cocktail Day: Wine Cocktail, ready-to-drink, to-go… I trend 2021

World Cocktail Day: Wine Cocktail, ready-to-drink, to-go… I trend 2021

La pandemia ha influenzato profondamente le nostre abitudini, comprese quelle di acquisto e di consumo. Il settore del beverage, precisamente quello della mixology, ha saputo rispondere con nuovi cocktail e nuove esperienze di degustazione. Cocktail ready to drink, wine cocktail, make at home… Sono diversi i trend di mercato che si sono affermati nello scorso anno e che promettono di crescere e svilupparsi positivamente nel prossimo futuro.
Ne parliamo oggi, 13 giugno, il World Cocktail Day.

Cocktail Ready to Drink: basta solo gustare e divertirsi

Essere costretti a casa non ha impedito alle persone di gustare il proprio drink preferito in compagnia. Gli happy hour o gli aperitivi virtuali sono stati infatti di forte tendenza in tutto il globo, tanto che bartender e produttori di bevande alcoliche hanno subito fornito le soluzioni più disparate.
Prima tra tutte è di certo quella del cocktail “ready-to-drink”, bevande o preparati già miscelati che ripropongono i più famosi drink in versione pronte da gustare. Dai classici intramontabili come il Negroni il Gin&Tonic fino ai più famosi wine-cocktail come lo Spritz veneziano. Una vasta offerta che le piattaforme e-commerce hanno sicuramente aiutato a raggiungere. L’esplosione dello shopping online, come conseguenza della pandemia, ha sicuramente aiutato il diffondersi delle bevande pronte da bere, tra le quali in primis, i cocktail in lattina.

Make at Home: il cocktail fai da te

Se il cocktail ready-to-drink è facile e veloce, poter miscelare il proprio drink in maniera “smart” sarà ancora più divertente! I cocktail “fai da te” sono tra i maggiori successi nel campo beverage dell’ultimo anno e spiccano per innovazione. Da semplici buste di liquido monodose da aggiungere al giaccio, fino a completi kit comprensivi di spirits, succhi, seltz, toniche, guarnizioni… davvero tutto il necessario per gustare del cocktail, ma per cimentarsi come bartender. La formula del make-at-home ha avuto tanto successo nel 2020, che il “Nielsen CGA On-Premise Survey” ha registrato che negli U.S. il 40% dei consumatori è interessato ai cocktail kit, mentre il 37% a drink preparati o take-away.

Grab and go: i cocktail del take away “forzato”

Non solo scaffali fisici e virtuali sono stati la piazza delle novità della mixology, ma certamente anche bar, pub e locali che hanno dovuto re-inventare i loro servizi per i lunghi periodi dove solo il take-away o la consegna a domicilio erano consentiti. Esattamente in questo contesto hanno spopolato i cocktail “grab-and-go” – o semplicemente to-go – veri e propri cocktail ready to drink però miscelati dal proprio bartender preferito e ritirati nel locale o ricevuti comodamente a casa.

Ingredienti al centro: voglia di diverso, estremo, sostenibile, etico

Tra le ultime tendenze, non può mancare il focus sugli ingredienti, nonché sugli stili dei cocktail. Dai bartender più seguiti a livello internazionale, arrivano proposte di drink con ingredienti “non convenzionali”, quasi estremi. Sono gli “elevated cocktail” ispirati da un condiviso sentimento di necessita uscire dagli schemi per vivere nuove stimolanti esperienze. Caratterizzati da gusti decisi come il piccante o l’affumicato ed elementi insoliti come funghi, uova o addirittura carne, questi cocktail rappresentano il livello più rappresentativo della ricerca del nuovo che caratterizza oggi la mixology.
Dalla voglia di “fuggire” ad un’attenzione etica e salutare: altra importante tendenza è quella di prediligere stili a basso grado alcolico, ma anche ingredienti biologici e componenti eco-friendly, come per esempio distillati o liquori prodotti da fonti etiche e sostenibili. Sono gli “ethical cocktail” e avranno lo scopo di abbinare al drink anche un gesto solidale verso il pianeta o la società.

Wine Cocktail ready to drink: la nostra esperienza

È da qualche anno ormai che la Domus Vini si è avventurata nel mondo dei wine-cocktail ready to drink. Al Vinitaly 2019 abbiamo lanciato L’Aperitivo Spritz, il famoso cocktail veneziano pronto da bere in bottiglia. La bevanda ha riscontrato sempre maggior successo, tanto da spingerci a introdurre nuovi cocktail nei formati in fusto acciaio, Keykeg e Polykeg da gustare alla spina: Spritz, Hugo, American Cocktail (stile “Americano”), tutti a base di vino bianco frizzante di prima qualità. Nel settore Ho.Re.Ca. il cocktail ready-to-drink presenta diversi punti di forza:

  • Facile e Veloce: pronto da bere, basta aggiungere ghiaccio e guarnire.
  • Qualità Garantita: ingredienti dosati garantiscono un gusto costante.
  • Marginalità: aumento del margine per bicchiere.
  • Controllo Costi: certezza del costo del cocktail a bicchiere.

Prevediamo che sarà un trend in crescita anche per la nostra cantina, che magari coinvolgerà nuove ricette, nuovi formati e progetti a Private Label.

Per maggiori informazioni visitate la sezione dedicata alle bevande o contattateci:

Per maggiori informazioni